Faringo – tonsilliti batteriche

Quando il mal di gola va curato con l’antibiotico

Febbre, mal di gola, placche. Sono problemi che ogni famiglia ben conosce e che riguardano soprattutto i bambini fino almeno ai sei anni di età. Una faringo-tonsillite, tuttavia, non va trascurata: la sua origine batterica può richiedere l’uso dell’antibiotico.

Se il mal di gola, forte, si accompagna a difficoltà a deglutire, brividi di freddo, febbre e linfonodi ingrossati, è probabile che ci si trovi di fronte a una faringo-tonsillite. Ciò che però non è facilmente interpretabile, almeno dai sintomi, è la determinazione dell’origine: virale o batterica.1,2

Nel primo caso, la faringo-tonsillite non va trattata con l’antibiotico. Nel secondo caso, sì. Il motivo per cui è necessario il trattamento tempestivo della faringo-tonsillite batterica con un antibiotico specifico è la prevenzione della febbre reumatica e complicanze cardiovascolari, correlate all’infezione da streptococco Beta emolitico di gruppo A (SBEA).3 Queste complicanze, abbastanza diffuse nella popolazione prima dell’ingresso degli antibiotici nell’armamentario terapeutico dei medici, sono oggi molto più rare e si osservano soprattutto in aree in via di sviluppo.

Faringo tonsillite batterica: dalla diagnosi, alla durata della terapia

L’indicazione alla terapia antibiotica, in caso di faringo tonsillite per la quale si sospetta l’infezione da SBEA, può venire da un uso ragionato di test rapidi che servono appunto a dirimere – laddove i casi restano sospetti o dubbi dopo l’esame obiettivo – se l’origine del problema è da attribuire all’uno o all’altro agente patogeno. I test rapidi sono piuttosto affidabili e hanno tempi di risposta talmente brevi da essere compatibili con una normale visita ambulatoriale.4

La messa a punto di questi test sempre più affidabili è – di fatto - servita a:

  • Evitare l’attesa del tampone faringeo con relativa coltura batterica, almeno in prima battuta
  • Evitare prelievi ematici, almeno in prima battuta
  • Dimezzare la somministrazione inutile di antibiotici, soprattutto nei casi in cui l’origine della faringo-tonsillite sia di natura virale. Questo può avere un impatto positivo sulla limitazione dello sviluppo di antibiotico-resistenze da parte di batteri patogeni, un problema molto attuale2,4

La durata della terapia antibiotica, secondo le linee guida nazionali, deve essere di dieci giorni per l’eradicazione del batterio. La scelta dell’antibiotico ricade per lo più tra i betalattamici, mentre l’utilizzo di altre classi, tra cui per esempio i macrolidi, è considerato di seconda scelta ed è indicato per gli individui allergici alle penicilline.5,6

Il tampone faringeo e la coltura – così come gli esami ematici – tornano utili quando non c’è un miglioramento derivante dalla terapia antibiotica e quindi è possibile sospettare una farmaco-resistenza da parte del batterio.

In questo modo è possibile reimpostare la terapia antibiotica con un farmaco differente, verso cui il batterio dimostra di avere mantenuto la sensibilità.6

Bibliografia

  1. Choby BA. Diagnosis and treatment of streptococcal pharyngitis. Am Fam Physician 2009; 79:383-90. Bisno AL, Gerber MA, Gwaltney JM Jr, Kaplan EL, Schwartz RH. http://www.aafp.org/afp/2009/0301/p383.pdf
  2. Bisno AL, Gerber MA, Gwaltney JM Jr, Kaplan EL, Schwartz RH. Infectious Diseases Society of America Practice guidelines for the diagnosis and management of group A streptococcal pharyngitis. Infectious Diseases Society of America. Clin Infect Dis 2002; 35:113-25. http://cid.oxfordjournals.org/content/35/2/113.full.pdf+html
  3. Michael A. Gerber, Robert S. Baltimore, Charles B. Eaton, Michael Gewitz, Anne H. Rowley, Stanford T. Shulman and Kathryn A. Taubert Prevention of Rheumatic Fever and Diagnosis and Treatment of Acute Streptococcal Pharyngitis Circulation March 24, 2009, Volume 119, Issue 11 http://circ.ahajournals.org/content/119/11/1541
  4. Ayanruoh S, Waseem M, Quee F, Humphrey A, Reynolds T. Impact of rapid streptococcal test on antibiotic use in a pediatric emergency department. Pediatr Emerg Care 2009; 25:748-50) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19864964
  5. Bonsignori F, Chiappini E, de Martino M. The infections of the upper respiratory tract in children. Int J Immunopathol Pharmacol 2010; 23(1 Suppl):16-9). http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20152073
  6. M. de Martino N. Mansi N. Principi A. Serra A. Camaioni, E. Chiappini, S. Esposito, G. Felisati M. Landi P. Marchisio. Linee Guida Italiane per la gestione della faringotonsillite in età pediatrica: sintesi e commento. Anno VII - numero 1 - 2012 ISSn 1970-8165 http://www.sipps.it/pdf/lineeguida/faringotonsillite.pdf

Campagna informativa realizzata da GlaxoSmithKline S.p.A. Il presente materiale non è promozionale di prodotto, non rivendica né esplicita caratteristiche terapeutiche di farmaci di GSK e come tale non ricade nell’ambito di applicazione del D.Lgs. 219/06. Le informazioni riportate non sostituiscono il parere del proprio medico di fiducia al quale ci si deve sempre rivolgere.
Codice ZINC: ITA/ANB/0011/16 Data di realizzazione: Settembre 2016


Filo diretto con l'azienda

Hai domande sui prodotti GSK in ambito antibioticoterapia?

Un Medical Information Scientist è disponibile per rispondere ai tuoi quesiti e sciogliere ogni dubbio.

Fai subito la tua domanda »

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18

Codice ZINC: ITA/ANB/0009/17